Imballaggi in acciaio

Il sistema di raccolta nel nostro Paese è imperniato sulla collaborazione tra i Comuni, le local utilities e le imprese di produzione, trattamento e riciclo degli imballaggi. I Comuni che, mediante le aziende d’igiene urbana, raccolgono i rifiuti d’imballaggio ricevono dal Consorzio nazionale acciaio (CNA) un corrispettivo basato sui volumi e sulla qualità dei materiali raccolti.
Questi sono quindi inviati presso le piattaforme convenzionate e gli impianti di recupero per essere opportunamente selezionati e trattati per essere poi avviati al riciclo.
Dagli impianti di recupero, infatti, i rottami metallici sono inviati alle acciaierie, alle quali è affidato il riciclo vero e proprio.
Accanto al CNA operano anche altri soggetti indipendenti dal sistema consortile.
Il tasso di riciclo nel 2010 è stato del 70,2%, le quantità raccolte pari a 375.000 tonnellate (flusso domestico e industriale), quelle riciclate a 354.000 tonnellate.
Il contributo ambientale degli imballaggi in acciaio al sistema consortile Conai‐CNA ammonta a 31 € per tonnellata di immesso al consumo.

CNA Sostenibilità